martedì 31 luglio 2007

Chi la fa l'aspetti

Che soddisfazione mi sono presa, ieri, Leo ... non immagini neanche quanto avrei voluto raccontartela ieri sera, al mio ritorno dal lavoro ... già, peccato che tu sia ancora in montagna, in villeggiatura dalla mamma e dal papà!
Uffi!
Ancora qualche giorno, sistemo un paio di cosine necessarie post trasloco, e poi vengo su a prenderti e ti porto nella nostra nuova casetta ... spero tanto che ti piaccia ... avrai un balcone grande grande tutto per te!
Se solo riuscissi a parlare al telefono ti avrei chiamato per raccontarti tutto ... e già ti immaginavo ridere sornionamente sotto i baffi :o)
Che cosa mi è successo?Come al solito il treno è arrivato con 20 minuti di ritardo ... sono salita sul carro bestiame (perchè siamo sempre tutti in piedi, pigiati come delle bestie ... nonostante i non pochi euro che paghiamo di abbonamento!!) ... al caldo soffocante, stanca dopo una giornata
di lavoro, con un sacchetto della spesa in mano (minimo indispensabile per la cena) e borsa nell'altra ... e, come se non bastasse, con la pressione sotto le scarpe.
Dopo una fermata si libera un posto ... faccio per avvicinarmi, quando un signore fresco fresco, con solo un libro in mano, incurante del mio aspetto "svengo da un momento all'altro" si siede prima di me ... e, con un sorrisetto ironico, mi guarda e mi dice: "Peccato, sono arrivato prima io" ... e si mette a leggere.
Finalmente arriva la mia fermata ... e, dopo venti minuti di agonia, in piedi e accaldata mi accingo a scendere ... ma prima mi fermo di fianco al tizio che mi ha fregato il posto, prendendomi anche in giro ... lo guardo e gli faccio: "Comunque non è stato un omicidio, no ... perchè George si è suicidato ... e sì ... ed è stata la sua amica Beth a ficcargli la vanga nella pancia, una volta morto, per depistare le immagini" ... non contenta, notando il suo pallore in volto, gli rivolto un simpatico sorriso e ho continuato: "Peccato, avrebbe dovuto finire il libro prima di incontrarmi!" ... e sono scesa.
Leo, mi sono sentita una "grande"!!!

sabato 21 luglio 2007

Chi lavora e chi villeggia

Leo, piccolo ... mi manchi, sai?
Sì, d'accordo ... lì dove sei stai benissimo ... il cortile a tua disposizione dove scorrazzare allegramente insieme all'Arturo e al Mosè (e poi dicono che cani e gatti non possono diventare amici) ... pappa a volontà ... aria pulita e fresca ... si sta bene in villeggiatura da mamma e papà, vero?
Beato te!
E io qui a lavorare, al caldo ... finirà mai questo trasloco?!?!?
E io ti manco almeno un pochino?
E mi pensi?
Ma quanto mi pensi?
:o)